Personalizzare l'app (Common Data Service)

Argomento successivo

Aggiungere un'origine dati e un flusso (Common Data Service)

Continua

Guarda di nuovo

Nei primi due argomenti di questa sezione è stata generata un'app da un'entità di Common Data Service ed è stata esaminata l'app per comprendere meglio la composizione delle app a tre schermate. Le app generate da PowerApps sono utili, ma spesso richiedono operazioni di personalizzazione. In questo argomento si esamineranno alcune modifiche della schermata di esplorazione dell'app. È possibile personalizzare tutte le schermate, ma si è preferito concentrare l'attenzione su una per approfondire maggiormente l'aspetto delle personalizzazioni. È consigliabile prendere in considerazione un'app generata in base a un'entità, un file di Excel o un'altra origine per esaminare le possibilità di personalizzazione. Questo è il modo migliore per comprendere come sono fatte le app.

Modificare la raccolta e i data binding

Quando ha generato l'app, PowerApps ha deciso quale layout usare e quali campi specifici visualizzare in ogni schermata. Per questa app si sceglie un controllo di tipo raccolta dotato di una barra di stato che verrà poi personalizzata. Nel riquadro di destra, nella scheda Layout, selezionare il layout desiderato. I risultati sono immediatamente visibili perché PowerApps aggiorna l'app mentre si apportano le modifiche.

Modificare il layout della schermata di esplorazione

Con il layout di base appropriato, modificare ora i campi visualizzati. Fare clic o toccare un campo nel primo elemento e quindi, nel riquadro di destra, modificare i dati visualizzati per ogni elemento. In questo modo vengono visualizzate informazioni di riepilogo più chiare per ogni elemento incluso nell'entità.

Modificare i campi della schermata di esplorazione

Modificare il tema dell'app

In modo del tutto simile a PowerPoint, PowerApps offre un set di temi che è possibile usare nell'app. Nella schermata seguente si vedranno il tema Dune (Duna) applicato e un logo semplice incollato nell'app. Si tratta di modifiche di base, che tuttavia possono migliorare notevolmente l'aspetto dell'app.

Modificare il tema e aggiungere un logo

Usare una formula per visualizzare lo stato del caso

Uno dei principali vantaggi offerti da PowerApps è quello di non dover scrivere il tradizionale codice dell'applicazione. Per creare app non è necessario essere sviluppatori. Tuttavia, bisogna trovare un modo per esprimere la logica e controllare le funzionalità di spostamento, filtro, ordinamento e altro ancora all'interno di un'app. A questo punto entrano in gioco le formule.

Se si sono usate le formule di Excel, l'approccio di PowerApps dovrebbe risultare familiare. Si supponga di voler visualizzare la barra di stato in verde se il caso è risolto o in rosso se, al contrario, non è risolto. A questo scopo, si seleziona il controllo dello stato sullo schermo e quindi si imposta la relativa proprietà Fill sulla formula nella barra della formula: If(Status="Resolved", Color.Green, Color.Red). La formula è simile a una formula di Excel, anche se le formule di PowerApps fanno riferimento a controlli e ad altri elementi dell'app anziché a celle in un foglio di calcolo. L'immagine seguente mostra dove impostare la formula e il risultato nell'app.

Formula per visualizzare lo stato del caso

Ordinare e filtrare in base alla data

Nella schermata di esplorazione l'app generata consente di eseguire la ricerca di casi e ordinare l'elenco di elementi nella raccolta. Si rimuoveranno ora le funzionalità di ricerca e ordinamento sostituendole con la possibilità di visualizzare i casi in base a una data. Anche se è possibile combinare i due metodi, per questa app verrà illustrato l'approccio basato sulla data. L'immagine seguente mostra gli elementi aggiunti:

  • Un'etichetta di testo ("Show cases after:") che indica agli utenti quale operazione eseguire: Inserisci > Testo > Etichetta. Impostare la formula Fill su White.
  • Un controllo selezione data: Insert (Inserisci) > Controls (Controlli) > Date picker (Selezione data).
  • Una formula che collega la proprietà Items della raccolta di esplorazione al controllo selezione data: Filter(Case, DatePicker1.SelectedDate < LastModifiedDateTime).

La data è impostata sul 20 ottobre e si può vedere che l'app mostra i casi creati dopo questa data. Si noti che, per impostazione predefinita, a tutti i casi dell'entità è associata la stessa data dell'ultima modifica. È possibile aggiornare uno o più casi per verificare il funzionamento del filtro. Le operazioni di gestione dei dati dell'entità verranno illustrate più avanti nel corso.

App aggiornata per l'uso del controllo selezione data

Visualizzare il numero totale di casi

In questo argomento sono stati trattati numerosi aspetti, comprese le personalizzazioni che tuttavia sono quasi completate. L'ultimo aspetto che verrà trattato riguarda l'aggiunta di etichette in cui vengono visualizzati due numeri: il numero totale di casi e il numero di casi corrispondenti al filtro basato sulla data.

Visualizzare i casi totali e quelli filtrati

Il video illustra in dettaglio come aggiungere le due etichette, ma le proprietà di base impostate per ciascuna etichetta sono le seguenti:

  • Align = Center
  • Width = Parent.Width/2
  • Casella di sinistra Text = "Total cases: " & CountRows(Case). Questo valore include tutti i casi compresi nell'entità.
  • Casella di destra Text = Filtered cases: " & CountRows(BrowseGallery1.AllItems). Questo valore include solo i casi corrispondenti al filtro basato sulla data.

Le personalizzazioni dell'app sono ora completate. Nell'argomento successivo verranno aggiunti un'origine dati e un flusso e verrà illustrata l'app completata.