È possibile creare un database e compilare applicazioni usando Common Data Service come archivio dati. Si possono creare entità personalizzate o usare entità predefinite. Per creare un database, è necessario per prima cosa creare un ambiente oppure essere assegnati a un ambiente esistente come amministratore. È anche necessario che all'utente sia assegnata la licenza appropriata. Per informazioni sull'acquisto di un piano per l'uso di Common Data Service, vedere le informazioni sui prezzi.

Esistono tre modi per creare un database:

  • Nell'interfaccia di amministrazione
  • Nel riquadro Home di powerapps.com
  • Nel riquadro Entità di powerapps.com

Creare un database nell'interfaccia di amministrazione

  1. Nel riquadro di spostamento a sinistra nell'interfaccia di amministrazione fare clic su Ambienti.
  2. Selezionare l'ambiente o creare un nuovo ambiente, se necessario.
  3. Nella scheda Database fare clic su Crea un database. Per impostazione predefinita, il database viene creato in modalità di accesso completo.
  4. Per applicare una protezione, selezionare Limita l'accesso.

Creare un database nel riquadro Home di powerapps.com

  1. In powerapps.com fare clic su Home nel riquadro di spostamento a sinistra.
  2. Nella sezione Usa Microsoft Common Data Service cercare il pulsante denominato Crea database o Introduzione. Il nome del pulsante dipende dalle assegnazioni della licenza e delle autorizzazioni. Potrebbe non essere consentito creare un database nell'ambiente corrente.

Creare un database nell'ambiente corrente

  1. Fare clic su Crea database.
  2. Nella finestra di dialogo selezionare la casella di controllo Limita l'accesso al database se si vuole applicare la protezione.
  3. Fare clic su Crea il database personale.

Iniziare creando un nuovo ambiente

  1. Fare clic su Introduzione.
  2. Nella finestra di dialogo fare clic su Creare nuovo ambiente per iniziare a creare un nuovo ambiente e un database.
  3. Immettere un nome univoco nel campo Nome ambiente. Nel campo Area selezionare l'area appropriata.
  4. Selezionare la casella di controllo Limita l'accesso al database se si vuole applicare la protezione.
  5. Fare clic su Crea.

Creare un database nel riquadro Entità di powerapps.com

  1. In powerapps.com espandere la sezione Common Data Service e toccare o fare clic su Entità nel riquadro di spostamento a sinistra.
  2. Fare clic su Introduzione. Il database viene creato in modalità di accesso completo.

Database aperti e con restrizioni

Per impostazione predefinita, un database viene creato in modalità di accesso completo. In questa modalità non è applicata la protezione per l'accesso alle entità. L'amministratore dell'ambiente può impostare il database sulla modalità di accesso con restrizioni. In questa modalità viene applicata la protezione per l'accesso alle entità, in base ai set di autorizzazioni e ruoli.

  1. Nel riquadro di spostamento a sinistra nell'interfaccia di amministrazione fare clic su Ambienti.
  2. Selezionare l'ambiente.
  3. Nella scheda Database effettuare una delle seguenti operazioni:
    • Per applicare la protezione, selezionare Limita l'accesso.
    • Per disabilitare la protezione, selezionare la modalità di accesso completo.

Autorizzazioni di licenza e sicurezza

Per creare un database, è necessario essere un amministratore nell'ambiente selezionato con la licenza appropriata assegnata. Dall'ambiente è possibile configurare ulteriormente le autorizzazioni di sicurezza per altri utenti usando la scheda Sicurezza. Per altre informazioni, vedere Configurare la sicurezza del database e Modello di sicurezza.

Informativa sulla privacy

Con il servizio Common Data Service di Microsoft PowerApps vengono raccolti e archiviati nomi di campo e di entità personalizzate nel sistema diagnostico. Queste informazioni vengono usate per ottimizzare Common Data Service per i clienti. I nomi di entità e di campo creati dagli sviluppatori consentono di comprendere gli scenari comuni nella community di Microsoft PowerApps e di determinare le lacune nella copertura delle entità standard del servizio, ad esempio gli schemi relativi alle organizzazioni. I dati presenti nelle tabelle di database associate a queste entità non sono accessibili né vengono usati da Microsoft o replicati all'esterno dell'area in cui viene effettuato il provisioning del database. Si noti tuttavia che i nomi di campo e di entità personalizzate possono essere replicati nelle aree e vengono eliminati in base ai criteri di conservazione dei dati. Microsoft si impegna a proteggere la privacy degli utenti, come illustrato nel Centro protezione.