Grazie all'integrazione di Power Query, gli sviluppatori di app aziendali possono creare nuove entità in CDS (Common Data Service) da una vasta gamma di origini dati.

Common Data Service consente agli utenti di archiviare e gestire in modo sicuro i dati in un set di entità standard e personalizzate. Un'entità è un insieme di campi usati per archiviare i dati in modo analogo a una tabella all'interno di un database. Dopo l'archiviazione dei dati in Common Data Service, è possibile usare Microsoft PowerApps per creare applicazioni avanzate che usano i dati archiviati.

Grazie all'integrazione di Power Query, gli sviluppatori di app aziendali che usano PowerApps possono creare nuove entità in Common Data Service basate sui dati provenienti da origini dati esterne, ad esempio origini dati locali come database relazionali (SQL Server, IBM DB2 e così via), Excel, Access e file di testo oppure servizi online come Salesforce, database SQL e Data Warehouse di Azure, API Web, feed OData e molte altre origini. Oltre alla possibilità di connettersi a una vasta gamma di origini dati, l'uso di Power Query consente anche di filtrare, trasformare e combinare i dati prima del caricamento in Common Data Service.

Nuova entità dai dati

Abilitazione della funzionalità per la creazione di nuove entità CDS da Power Query

Questa funzionalità è disponibile nel tenant di PowerApps, ma non è attivata per impostazione predefinita. È possibile abilitarla in web.powerapps.com.

Nota: è possibile creare nuove entità personalizzate solo nei database creati personalmente.

Nel portale di PowerApps seguire questa procedura per abilitare la funzionalità:

  1. Passare alla scheda Common Data Service > Entità nel riquadro di spostamento a sinistra.
  2. Dall'elenco Entità selezionare l'elenco a discesa Nuova entità.
  3. Dall'elenco visualizzato nel menu a discesa selezionare Nuova entità dai dati (Technical Preview), come mostrato nell'immagine seguente.

    Nuova entità dai dati

  4. Dopo la selezione di Nuova entità dai dati (Technical Preview) dal menu, viene visualizzata una finestra di dialogo con l'elenco di connettori disponibili in questa Technical Preview, come mostrato nell'immagine seguente.

    Connettori disponibili

  5. Dopo avere selezionato il connettore da usare, è possibile procedere ai passaggi successivi per specificare i dettagli e le credenziali per la connessione all'origine dati, selezionare le tabelle da importare e così via. È possibile che sia disponibile l'accesso anche all'Editor di query, tramite il pulsante Modifica nella visualizzazione Strumento di navigazione, e che sia quindi possibile applicare filtri o eseguire passaggi di trasformazione dei dati prima di importare i dati in CDS.

Modificare le impostazioni di caricamento e altri comportamenti

Al termine della procedura illustrata nella sezione seguente, quando è disponibile un'origine dati pronta per l'uso per la creazione di nuove entità in CDS tramite Power Query, è possibile modificare altre impostazioni di caricamento, ad esempio il comportamento di aggiornamento e impostazioni specifiche dell'entità, come il nome visualizzato, le chiavi primarie e altre ancora.

Al termine della procedura, selezionare Carica per completare la creazione di nuove entità personalizzate in CDS. È anche possibile modificare le query dopo il caricamento iniziale tramite l'accesso al menu Entità per un'entità specifica.

Saremo lieti di ricevere commenti e suggerimenti relativi a questa funzionalità. Inviare suggerimenti e commenti sulla funzionalità.